Avignonesi

Avignonesi

Toscana

Minimo intervento in cantina e massima sostenibilità dell’intero processo produttivo sono i valori che ispirano il lavoro di Virginie Saveris, ex avvocato belga arrivata in Toscana nel 2007 e così tanto innamorata del suo territorio e dei suoi vini da decidere – due anni dopo – di rilevare la storica cantina Avignonesi (Montepulciano) dalla famiglia che l’aveva fondata.
Il suo sogno era quello di creare – nel pieno rispetto dell’ambiente – un’azienda vitivinicola capace di produrre vini autentici, espressione più vera dell’identità della zona di Montepulciano.
Un sogno divenuto realtà grazie alla passione e alla tenacia di Virginie e della sua squadra internazionale di enologi ed agronomi. Oggi, infatti, Avignonesi – con i suoi 175 ettari vitati situati fra Montepulciano e Cortona – è la più grande azienda vinicola ad operare in biodinamico in Italia e nel 2016 ha ottenuto la certificazione biologica.

Un approccio quello di Avignonesi non interventista, che bandisce la chimica in vigna e in cantina e che rispetta profondamente la terra e i suoi frutti, dando origine a vini straordinari – come “50 & 50”, e “Vin Santo Occhio di Pernice” – diventati in breve tempo grandi classici dell’enologia toscana e italiana.

Avignonesi

Showing all 4 results

Filtri

Filtri

Chiudi Filtri

Tutti

< Indietro

Close

Produttore

Abbinamento

Prezzo

Prezzo:
Reset

Exclusive

  • Ordina per
  • Parte del progetto Alliance Vinum, che vede sei tra i più importanti e storici produttori di Montepulciano lavorare insieme per elaborare ciascuno un proprio cru di Nobile al fine di far riscoprire questo vino così importante nella tradizione enologica toscana ed italiana tutta, Poggetto di Sopra di Avignonesi, prodotto nel 2016 per la seconda annata,  interpreta al meglio lo scopo del progetto proponendosi come un nuovo riferimento per il Nobile inteso come vino che spicca per eleganza e finezza, che interpreta bene il territorio da cui proviene con uno straordinario potenziale di invecchiamento.

    Avignonesi ha dedicato a questo progetto di Sangiovese in purezza una zona selezionata della propria tenuta storica sulla collina di Argiano, dove tralci quasi quarantenni insistono su suoli limosi e calcarei dove si alternano vene di argille azzurre, a circa 300 metri di altezza sul livello del mare.

    L’annata 2016 è universalmente acclarata come eccezionale anche in quel di Montepulciano. Ad un inverno secco e mite è seguito una primavera con temperature sotto la media e molte precipitazioni, compensate poi dal un’estate calda e soleggiata con un Settembre molto ventilato che ha permesso il raggiungimento di una perfetta maturazione delle uve, raccolte tra la metà di Settembre ed i primi giorni di Ottobre.

    Al degustatore il Poggetto di Sopra si presenta color rubino con leggeri riflessi granati, introducendo al naso un bouquet complesso che si apre con sentori di violetta appassita seguito da frutta rossa come prugna e ciliegia e quindi da chiari sentori erbacei di sottobosco e muschio ma anche lavanda, timo e salvia. Al sorso si dimostra potente ed elegante, con una notevole morbidezza data da un tannino setoso accompagnato da una nota fresca ben bilanciata da calore ed avvolgenza in bocca, con un finale persistente che introduce un piacevole retrogusto di cocco e liquirizia riconducibile all’affinamento in legno.

    Dalla produzione limitata a sole 3500 bottiglie e già con un ottimo riscontro da parte della critica internazionale, il Poggetto di Sopra di Avignonesi porta ai massimi livelli un vino storico della tradizione toscana interpretando al meglio un territorio dove la viticoltura di qualità è radicata da centinaia di anni che contribuisce di diritto a rendere grande l’enologia italiana nel mondo.

    AVAILABILITY: In stock

  • Parte del progetto Alliance Vinum, che vede sei tra i più importanti e storici produttori di Montepulciano lavorare insieme per elaborare ciascuno un proprio cru di Nobile al fine di far riscoprire questo vino così importante nella tradizione enologica toscana ed italiana tutta, Poggetto di Sopra di Avignonesi, prodotto nel 2016 per la seconda annata,  interpreta al meglio lo scopo del progetto proponendosi come un nuovo riferimento per il Nobile inteso come vino che spicca per eleganza e finezza, che interpreta bene il territorio da cui proviene con uno straordinario potenziale di invecchiamento.

    Avignonesi ha dedicato a questo progetto di Sangiovese in purezza una zona selezionata della propria tenuta storica sulla collina di Argiano, dove tralci quasi quarantenni insistono su suoli limosi e calcarei dove si alternano vene di argille azzurre, a circa 300 metri di altezza sul livello del mare.

    L’annata 2016 è universalmente acclarata come eccezionale anche in quel di Montepulciano. Ad un inverno secco e mite è seguito una primavera con temperature sotto la media e molte precipitazioni, compensate poi dal un’estate calda e soleggiata con un Settembre molto ventilato che ha permesso il raggiungimento di una perfetta maturazione delle uve, raccolte tra la metà di Settembre ed i primi giorni di Ottobre.

    Al degustatore il Poggetto di Sotto si presenta color rubino con leggeri riflessi granati, introducendo al naso un bouquet complesso che si apre con sentori di violetta appassita seguito da frutta rossa come prugna e ciliegia e quindi da chiari sentori erbacei di sottobosco e muschio ma anche lavanda, timo e salvia. Al sorso si dimostra potente ed elegante, con una notevole morbidezza data da un tannino setoso accompagnato da una nota fresca ben bilanciata da calore ed avvolgenza in bocca, con un finale persistente che introduce un piacevole retrogusto di cocco e liquirizia riconducibile all’affinamento in legno.

    Dalla produzione limitata a sole 3500 bottiglie e già con un ottimo riscontro da parte della critica internazionale, il Poggetto di Sopra di Avignonesi porta ai massimi livelli un vino storico della tradizione toscana interpretando al meglio un territorio dove la viticoltura di qualità è radicata da centinaia di anni che contribuisce di diritto a rendere grande l’enologia italiana nel mondo.

    AVAILABILITY: In stock

  • 50&50 è il frutto della più lunga collaborazione nel mondo del vino tra due cantine indipendenti: Avignonesi a Montepulciano e Capannelle in Chianti.
    Il processo prevede una vinificazione separata in ciascuna cantina; poi i rispettivi enologi si incontrano per fissare le percentuali del blend di San Giovese e Merlot. Infine, ad anni alterni, il vino viene affinato interamente da Capannelle o da Avignonesi, per poi dividerne le quantità in parti uguali ed imbottigliarlo e distribuirlo separatamente.

    La prima annata del 50&50 fu il 1988, una vendemmia straordinaria per la Toscana, unione di Sangiovese di Capannelle 50% e di Merlot di Avignonesi 50%, un vino divenuto leggenda in bottiglia. Il colore è un luminoso rosso rubino. Il Sangiovese regala subito profumi di viola e petali di rosa, seguono poi le note di frutti di sottobosco a bacca rossa e neraciliegie scure, che s’intrecciano a sentori di tabacco dolceerbe mediterranee e con un tocco di balsamico.
    In bocca è ricco e si ritrovano le note di frutta, con sfumature di liquirizia e vaniglia insieme a una notevole persistenza retro-olfattiva. Fresco e dal tannino vellutato, controbilanciato dalla tipica morbidezza regalata da un Merlot toscanizzato, il finale è lungo e appagante.

    AVAILABILITY: In stock

  • 50&50 è il frutto della più lunga collaborazione nel mondo del vino tra due cantine indipendenti:
    Avignonesi a Montepulciano e Capannelle in Chianti.
    Il processo prevede una vinificazione separata in ciascuna cantina; poi i rispettivi enologi si incontrano per fissare le percentuali del blend di San Giovese e Merlot. In fine, ad anni alterni, il vino viene affinato interamente da Capannelle o da Avignonesi, per poi dividerne le quantità in parti uguali ed imbottigliarlo e distribuirlo separatamente.

    La prima annata del 50&50 fu il 1988, una vendemmia straordinaria per la Toscana, unione di Sangiovese di Capannelle 50% e di Merlot di Avignonesi 50%, un vino divenuto leggenda in bottiglia. Il colore è un luminoso rosso rubino. Il Sangiovese regala subito profumi di viola e petali di rosa, seguono poi le note di frutti di sottobosco a bacca rossa e nera, ciliegie scure, che s’intrecciano a sentori di tabacco dolce, erbe mediterranee e con un tocco di balsamico.
    In bocca è ricco e si ritrovano le note di frutta, con sfumature di liquirizia e vaniglia insieme a una notevole persistenza retro-olfattiva. Fresco e dal tannino vellutato, controbilanciato dalla tipica morbidezza regalata da un Merlot toscanizzato, il finale è lungo e appagante.

    AVAILABILITY: In stock

No products were found matching your selection.

Navigation

Il Tuo Carrello

Viewed

Recently Viewed

Close

Categories