Château Montrose

Château Montrose

Con una storia pluricentenaria che inizia ben prima della famosa classificazione napoleonica dei terroir bordolesi risalente al 1855, lo Château Montrose è tra le più rappresentative cantine della denominazione di Saint-Estephe, situata pochi chilometri a Nord di Pauillac sulle rive della Garonna, in pieno Medoc.
Avviata nel 1815 da Théodore Dumoulin con l’impianto delle prime vigne e la costruzione di una semplice cantina, nonostante la giovane età delle vigne lo Château Montrose ebbe la sua consacrazione nel 1855 venendo classificato Deuxième Cru, un momento chiave per il futuro di questa cantina che, da quel momento poi, inizia un processo di crescita fino a raggiungere i 95 ettari di estensione alla scomparsa di Dumoulin nel 1861. Alimentata e valorizzata dal lavoro delle famiglie Dollfus e Charmolüe, è guidata dal 2006 dai fratelli Martin ed Olivier Bouygues, che hanno portato avanti uno strepitoso progetto di ristrutturazione dell’antico Château in stile bordolese ed ammodernamento della cantina con la costruzione dell’avveniristica bottaia.
Château Montrose gode storicamente di una delle migliori esposizioni della zona, con suoli dove la ghiaia si mescola alla sabbia a coprire uno strato argilloso ricco in nutrienti in grado di trattenere al meglio l’umidità. Mappato con alta precisione in parcelle di estensione compresa tra i due ettari e le poche centinaia di metri quadri, Château Montrose conosce perfettamente ed è in grado di valorizzare al meglio in sede di assemblaggio i micro-terroir tipici della propria estensione terriera.
Con una produzione esclusiva di vini rossi, Montrose presenta impianti composti in maggioranza da Cabernet Sauvignon, quindi Merlot, Cabernet Franc e Petit Verdot, in percentuali progressivamente minori che si riflettono anche nella composizione tipica del premier vin dello Château.
Con un’impostazione imprenditoriale votata alla riduzione delle emissioni ed alla sostenibilità, la cantina è oggi un esempio di come si possono unire tradizione e modernità in modo virtuoso, conducendo la vigna in modo poco interventista ed adottando metodologie ad elevata efficienza in cantina.
Château Montrose siede di diritto alla tavola dei grandi di Bordeaux portando tutta la specificità del terroir di Saint-Estephe e beneficiando appieno del ruolo mitigatore svolto dalla vicinissima Garonna, in grado di proteggere le vendemmie di Montrose anche nelle annate più difficili.

Château Montrose

Showing the single result

Filtri

Filtri

Chiudi Filtri

Tutti

< Indietro

Close

Produttore

Abbinamento

Prezzo

Exclusive

  • Ordina per
  • Supportato da un’ampia letteratura che ripercorre la storia vitivinicola del Medoc e delle sue singole e straordinarie denominazioni, Château Montrose Rouge esprime al meglio l’anima dell’areale di Saint-Estèphe e la qualità del terreno con vista sulla Garonna su cui insistono le vigne.

    Château Montrose ha storicamente beneficiato di una posizione particolarmente benevola e sfruttato appieno il suo potenziale nel tempo: terreni sabbiosi e ciottolosi, spesso in pendenza a favorirne il drenaggio, ricoprono uno spesso strato argilloso molto ricco in nutrienti e minerali a breve distanza dallo specchio d’acqua della Garonna, un estuario che garantisce un effetto regolatore naturale al fine di mitigare il freddo eccessivo invernale ed evitare le gelate primaverili oltre che l’afa estiva. Il sole ed il maestrale fanno il resto unitamente ad un’esposizione di vigneti per lo più pianeggianti da Nord verso Sud così da beneficiare della massima esposizione solare giornaliera.

    La vendemmia, che si protrae per circa un mese tra la metà di Settembre ed Ottobre, inizia con la raccolta del Merlot, la varietà più anticipata, per concludersi con il Cabernet Sauvignon. La selezione è maniacale e le singole piante oggetto di vendemmia vengono “assaggiate” giornalmente per comprendere le più piccole differenze nello stato di maturazione degli acini.

    Una volta in cantina, le uve vengono nuovamente selezionate, anche per mezzo di lettori ottici, e quindi vinificate parcella per parcella, mantenendo il processo produttivo separato in acciaio a temperatura controllata. Dopo una macerazione di circa 25 giorni, è con la svinatura che avviene la selezione delle parcelle che contribuiranno allo Château Montrose Rouge, gettando le basi per l’assemblaggio tra oltre 60 vini che avviene tipicamente in Dicembre, prima del passaggio in barrique nuove al 60% dove si svolge un’affinamento di 18 mesi con travasi trimestrali.

    In degustazione lo Château Montrose Rouge si presenta con una veste rosso rubino profondo decisamente consistente, aprendosi al naso con un bouquet elegante che spazia dalla mora e dal mirtillo, a note erbacee verdi e ad un mazzo di fiori primaverile, prima di annunciare note affumicate di tostatura. In bocca l’attacco è vigoroso e strutturato, decisamente elegante, con una trama tannica setosa e precisa che precede una chiusura molto persistente ed equilibrata.

    Château Montrose Rouge racchiude l’anima di Saint-Estèphe nel bicchiere, un’anima pronta sempre ad ogni evenienza e ben a suo agio nel caso in cui si volesse attendere qualche tempo per degustarlo, con pazienza.

    AVAILABILITY: In stock

No products were found matching your selection.

Navigation

Il Tuo Carrello

Viewed

Recently Viewed

Close

Categories