Ômina Romana

Ômina Romana

Lazio

Ômina romana nasce nel 2007 ed è situata a Velletri a 50 km a sud di Roma.
La famiglia Börner, difatti, decide che le colline verdeggianti e vulcaniche dei castelli romani poco distanti dal mare sono il luogo adatto per riprendere la tradizione di viticoltura ed enologia che popoli latini ed etruschi 2500 anni fa hanno trasmesso a mezzo mondo.
Trattasi di un piccolo paradiso terrestre con un micro clima mite, ventilato, raramente soggetto a tempeste e a sbalzi di temperatura. A confermare il tutto una stazione meteo che archivia diverse informazioni giornaliere.
Il progetto inizia con degli studi sul terreno e relative trivellazioni a trincea per comprendere la stratificazione e scegliere quale vitigni potessero esprimersi al meglio in base a suolo, esposizione e altitudine.
La gamma di uve selezionate di snoda dall’uvaggio autoctono, come il Cesanese, agli uvaggi internazionali come lo Chardonnay, il Viognier, il Cabernet Franc, il Syrah, il Merlot e il Cabernet Sauvignon che hanno però la caratteristica comune di voler raccontare il territorio di Velletri attraverso denominatori comuni tra i vini come ad esempio la sapidità in parte salmastra e in parte minerale e vulcanica.
L’azienda punta all’eccellenza lavorando su rese per ettaro molto basse, effettuando una selezione maniacale di ogni singolo acino, prima in pianta e poi in cantina e praticando la criomacerazione.
Ne risultano dei vini eccezionali, dotati di colore brillante, di un ventaglio di aromi intensi e coerenti al gusto. Una degustazione che tocca l’armonia.
Oggi Katharina Borner è affiancata da Paula Pacheco, responsabile della gestione tecnica del vigneto, dall’enologo Simone Sarnà e, come consulente esterno, l’enologo Claudio Gori.
La Fenice che rinasce dalle ceneri, raffigurata nel logo aziendale, è simbolo della rinascita della viticoltura laziale e la sua ambizione di competere con i vini più blasonati a livello nazionale ed internazionale.

Showing all 2 results

Filtri

Filtri

Chiudi Filtri

Tutti

< Indietro

Close

Abbinamento

Prezzo

Prezzo:
Reset
  • Ordina per
  • Ômina Romana dedica questa accurata selezione delle sue migliori uve Cabernet Franc e Cabernet Sauvignon alla dea romana dell’agricoltura, che infondeva forza, fertilità e abbondanza al suolo. In questa cuvée la vitalità dei vigneti viene sapientemente incanalata e concentrata per ottenere un vino sontuoso e di grande personalità.

    Un blend composto da cabernet sauvignon e cabernet franc che vince per eleganza, complessità e struttura.

    Dal colore rosso rubino pieno con leggere sfumature granate.

    Portando al naso il calice il vino seduce per la grande intensità di profumi che si trasformano piano piano che il vino si apre. Complesso, articolato e criptico con sentori di frutti rossi, note floreali evolute come il pot-pourri che si legano a note balsamiche. Pepe nero, leggera cannella, note delicate di tabacco, sfumature di fava di cacao e in conclusione quelle note che ci ricordano che stiamo parlando di cabernet sauvignon e cabernet franc: fresche note vegetali, erbacee, di peperone verde che danno vigoria, spessore e grande bevibilità ad un vino che ha tutte le carte in regola per essere riconducibile ai grandi tagli bordolesi.

    Il palato è netto, chiaro, verticale e con una grande pulizia di bocca. Freschezza e sapidità vulcanica donano piacevolezza e un’immediata e chiara essenza del vino stesso. Non si perde in morbidezze costruite o in tannini repressi: è un vino che deve esprimersi per quello che è e quelle che sono le sue caratteristiche. Tiene e mantiene il palato vivo, quasi si prende gioco di noi nel continuare a stuzzicare quella voglia di scoperta e di sorso che non sempre queste tipologie di vini possiedono.

    La sapidità, prima accennata, è nera, legata direttamente alle terre vulcaniche dei castelli romani.

    I tannini sono ritti, ma levigati. Non raccontano mai di un frutto poco maturo, ma anzi colto nel momento giusto in un annata straordinaria. Di per sè la zona nella quale si trova l’azienda è un piccolo paradiso terrestre sia dal punto di vista climatico che naturalistico, in aggiunta l’annata 2015 è stata merevigliosa ed equilibrata.

    La persistenza contribuisce in maniera importante a questa esperienza goduriosa.

    Ciò che traghetta il prodotto all’eccellenza è l’armonia che si crea tra l’aspetto visivo, il bellissimo corredo di profumi e aromi e l’aspettativa che viene appagata degustandolo. Ricorda l’armonia che crea una grande orchestra attraverso la sua moltitudine di strumenti che suonano un’unica melodia.

    AVAILABILITY: In stock

  • Seguendo l’accostamento metaforico della tavola medioevale “Ars Magna” di Raimondo Lullo, questo vino si rispecchia nel principio “Bonitas”, sostantivo che esprime bontà, buona qualità, cosi come onestà e fertilità.

    Lo chardonnay generalmente si può definire come una bellissima donna in abito da sera. Nel caso di Ômina Romana già dall’aspetto ci rapisce in quanto il colore sembra oro colato con dei riflessi vivaci, vivi e che non passano inosservati. 

    Grazie al bel lavoro integrato del legno dato dai 12 mesi in barrique di primo passaggio, le note che scoviamo al naso sono molto complesse, giocando tra spezie (come la vaniglia in bacchetti) e il frutto che è di origine esotica, ananas e frutto della passione.

    Vertono successivamente piacevoli sfumature floreali, un finale di macchia mediterranea legata a erbe officinali. 

    Al palato sensuale e sinuoso, lo Chardonnay Ars Magna ha le curve al posto giusto e in ingresso le mostra tutte con una morbidezza che regala una piacevolezza immediata. Il sorso corre snello e regala le note di freschezza legate alla gioventù di questo vino, che oggi rapisce e domani conquista.

    La freschezza e la sapidità vulcanica e marina si aiutano a vicenda per far si che il sorso sia pulito e lasci una persistenza non solo gustativa, ma anche tattile.

    L’equilibrio è uno dei suoi punti di forza e in un’annata come la 2015, dove il vino può toccare con un dito l’olimpo, non è scontato che tutte le caratteristiche siano al loro posto. 

    L’aspirazione alla grande Borgogna c’è, consapevoli che lo chardonnay prodotto nel Lazio deve raccontare il Lazio in tutte le sue forme, attraverso gli occhi di Ômina Romana.

    AVAILABILITY: In stock

No products were found matching your selection.

Navigation

Il Tuo Carrello

Viewed

Recently Viewed

Close

Categories