Skip to content
0
Your cart is empty. Go to Shop
Menu

Poggio di Sotto Rosso di Montalcino 2019

55

Disponibile

Formato:

0.75 l

Tipo:

Rosso

Paese:

Italia

Regione:

Toscana

Denominazione:

Rosso di Montalcino DOC

Uvaggio:

Sangiovese 100%

Maturazione e/o affinamento:

2 anni in botti da 30hl e 6 mesi in bottiglia

Gradazione alcolica:

13.5%

Temperatura di servizio:

16/18 °C

Abbinamento:

Filetto di carne, Fiorentina alla griglia, Primi a base di porcini o tartufo

Annata:

2019

Riconoscimenti: 

Descrizione

Nato, cresciuto ed evoluto parallelamente all’epica etichetta rossa del Brunello di Montalcino della Fattoria Poggio di Sotto, il Rosso di Montalcino può agevolmente competere con tanti altri Brunello grazie all’unicità del terroir di Poggio di Sotto ed alla grandissima resa espressiva del Sangiovese.

Prodotto con uve dalle basse rese accuratamente selezionate più volte e raccolte a mano nei vigneti di Castelnuovo dell’Abate, insistenti su terreni misti protetti dal rassicurante profilo del Monte Amiata ad altezze variabili tra i 200 ed i 450 metri sul livello del mare, il Rosso di Montalcino fa attendere le sue folte schiere di ammiratori ed appassionati un periodo di affinamento più breve rispetto al Brunello ma comunque importante se confrontato a vini di entrata di altre realtà produttive, pari a 24 mesi in botti di rovere da 30 ettolitri ed ulteriori 6 mesi in bottiglia prima del rilascio al pubblico.

Concentrazione e complessità sono evidente già ad un primo esame visivo-olfattivo: la frutta di bosco come il lampone ed il ribes nero si alternano al cedro, al pepe, al ginepro, ad erbe aromatiche, motivando il degustatore ad approfondire sempre di più l’esame godendo delle emozioni regalate da un vino sempre più ossigenato.

L’assaggio conferma le premesse e forse supera le attese, consegnando un vino fresco, dal tannino ammorbidito e che chiede tempo per essere ben compreso ed esplorato in tutte le sue splendide sfaccettature.

Il Rosso di Montalcino si conferma come una raffinata espressione del territorio che si insinua salda nel solco tracciato dal grande lavoro di questa cantina, dove qualità, attenzione alla materia prima, tradizione e piena comprensione delle aspettative dei propri clienti ben si fondono in una melodia indimenticabile suonata da un’orchestra che fa la storia di Montalcino, ormai da tempo.