Skip to content
0
Your cart is empty. Go to Shop
Menu

Barolo Vite Talin 2015

450

Solo 2 pezzi disponibili

Formato:

0.75 l

Tipo:

Rosso

Paese:

Italia

Regione:

Piemonte

Denominazione:

Barolo DOCG

Uvaggio:

Nebbiolo 100%

Maturazione e/o affinamento:

2 anni in tonneaux da 500 litri, quindi 1 anno in botti ovali di rovere e 3 anni in bottiglia

Gradazione alcolica:

14%

Temperatura di servizio:

18/20 °C

Abbinamento:

Brasato di manzo, Carne alla brace, Formaggi stagionati, Selvaggina

Annata:

2015

Riconoscimenti: 

Vinous: 96/100
Wine Spectator: 97/100
James Suckling: 96/100

Descrizione

Il Barolo Vite Talin di Luciano Sandrone, rappresenta il massimo della produzione di questa storica cantina e, nello specifico, la summa sia della filosofia produttiva che della ricerca della complessità adatta a produrre un vino di primissimo ordine.

Arrivato alla terza vendemmia, Vite Talin nasce dopo 25 anni di studio ed investimento per coltivare e far crescere una vigna unica, composta da piante di Nebbiolo con caratteristiche ben diverse da quanto Sandrone stesso coltiva in altre zone.

Una pianta facente parte di un appezzamento affittato a Luciano da Natale, detto Talin, nel lontano 1987, identificata già a suo tempo come singolare, quindi studiata fino al livello della comprensione del suo DNA, moltiplicata tramite innesto in campo e quindi arrivata, nel 2013, alla prima vinificazione.

Luciano sapeva di aver davanti una pianta speciale che avrebbe dato un Barolo dal futuro chiaro e ben segnato: da qui l’omaggio a Talin, viticoltore in Barolo, che a suo tempo si fidò delle capacità di Luciano, della sua preparazione e della sua ambizione.

Favorito dall’esposizione Sud-Est,  il vigneto del Vite Talin ha giovato dei picchi di caldo registrati durante l’estate 2015, supportata anche da importanti riserve idriche accumulate tra inverno e primavera, portando la pianta a vendemmia in condizioni eccellenti.

Dopo un mese di fermentazione anche a cappello sommerso in tini di legno verticali ed una decantazione in vasche d’acciaio, il vino svolge la fermentazione malolattica in tonneaux da 500 litri dove riposa per due anni prima di un ulteriore periodo di affinamento in legno e quindi in bottiglia, venendo rilasciato al pubblico dopo 6 anni dalla vendemmia.

In degustazione il Barolo Vite Talin si presenta di color granato intenso e concentrato, aprendosi al naso in tutta la sua ampiezza fatta di frutta rossa come il melograno, il lampone e la ciliegia, di sentori floreali di rosa, di spezie come la liquirizia, quindi note erbacee che riportano al rosmarino ed accenni di garrigue. In bocca grande è la struttura, fatta di tannini intensi ed acidità ancora marcata, con un sorso pieno, potente e profondo che anticipa una lunghissima persistenza ed un ritorno lievemente affumicato.

Definire Vite Talin solo come un “vino” è riduttivo: questa è una vera e propria opera artigiana che scatena un turbinio di emozioni difficile da governare e che tuti, prima o poi, magari dopo averlo atteso qualche anno in cantina, devono sicuramente provare in prima persona.